<

Informazioni


Orari apertura
I am service box text. Click edit button to change this text.

Indirizzo
Contrada Badiazza , Messina , Sicilia , IT

Durata visita
I am service box text. Click edit button to change this text.

Accessibilità
I am service box text. Click edit button to change this text.

Abstract

La Madonna e il quadro miracoloso

Poco fuori città, fu fondata nell’XI secolo da monache Benedettine che, accanto alla Badia, avevano anche un monastero. Nel Medioevo era chiamata Santa Maria della Scala per un’antica leggenda legata all’immagine sacra della Madonna omonima, trasportata a Messina da una nave. Si racconta che l’imbarcazione non riuscì a salpare fino a quando non venne scaricato a terra anche il quadro, che, una volta arrivato in terraferma, sembrava non avere pace. Ci si affidò al Cielo, mettendo l’immagine su un carro tirato da giovenche senza guida, e queste si fermarono proprio nell’eremo di Santa Maria della Valle. Anche Guglielmo II il Buono amò profondamente questo luogo, tanto da farne, nel 1168, la Cappella reale. Questo non gli impedì di favorire il dialogo tra le religioni, anzi. A lui, il viaggiatore e poeta andaluso Ibn Jubayr attribuì la frase: “Che ciascuno preghi il Dio ch’egli adora! Chi avrà fede nel suo Dio, sentirà la pace in cuore”. Nel 1282, durante la guerra del Vespro, le truppe di Carlo d’Angiò che assediavano la città la saccheggiarono e la incendiarono. Ricostruita e ampliata da Federico II d’Aragona, fu abbandonata in seguito alla grande peste del 1347. Cessato il pericolo, le monache decisero di trasferirsi in città, nel monastero di Santa Maria della Scala, ritornando a soggiornare alla Badiazza solo d’estate. Il recente restauro consente di respirare l’atmosfera medievale che ancora regna tra le mura.

COMING SOON

Ottieni coupon

Acquista il tuo ticket adesso

Giorno disponibile
Orario disponibile
Numero Coupon

Mappa

Editor Picks

Le Vie dei Tesori

Send this to a friend