Informazioni utili


Giorni Apertura

I am service box text. Click edit button to change this text.

Indirizzo

12 Piazza San Domenico

Durata visita

I am service box text. Click edit button to change this text.

Accessibilità

I am service box text. Click edit button to change this text.

Ottieni Coupon


Coupon 10 Ingressi

Coupon 4
Ingressi

Coupon 1
Ingresso

Coupon 10 Ingressi

Coupon 4 Ingressi

Coupon 1 Ingresso

Abstract


La scenografia barocca nel cuore medievale della città

Fondata nella seconda metà del XV secolo nel cuore antico della città, la chiesa già nel 1480 fu scelta dal conte Antonio Moncada come mausoleo di famiglia. Subì diversi lavori di ricostruzione fino all’edificazione della caratteristica facciata concava ai lati e convessa al centro alla fine del XVIII secolo. La chiesa, annessa al Convento dei Domenicani, è a tre navate e presenta decorazioni in stucco risalenti alla prima metà del XIX secolo. Le principali opere d’arte sono la pala dell’altare centrale, raffigurante la Madonna del Rosario, dipinta dal pittore manierista toscano Filippo Paladini (1544-1614), e il dipinto raffigurante il medesimo soggetto realizzato dal pittore nisseno Vincenzo Roggeri (1635-1713). Delle sepolture moncadiane non resta più nulla, distrutte negli anni immediatamente successivi all’Unità d’Italia. Un finanziamento del 1573 permise l’ampliamento del convento, successivamente nei primi anni del Seicento venne commissionato il chiostro, il quale venne completato nel primo decennio del secolo. Nel 1871 il convento divenne sede del Comando del Distretto militare, pertanto i locali vennero adattati al nuovo uso. La caserma fu intitolata a Enrico Raffaele Casaccia, carabiniere genovese caduto a Calatafimi nel 1860. Solo di recente il complesso è stato restaurato e riportato il più possibile all’aspetto seicentesco.

COMING SOON

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori

Send this to a friend