Informazioni Utili


Apertura

Informazione presto disponibile

Indirizzo

57 Via del Crocifisso

Biglietto

Informazione presto disponibile

Accessibilità

Informazione presto disponibile

Note

Informazione presto disponibile

Abstract


I cunicoli scavati dai Greci e i bagni rituali ebraici

Nel quartiere ebraico della Giudecca, tante testimonianze stratificate e sorprese di grande interesse. L’anno di completamento della chiesa è il 1742, come si legge sulla facciata, ma l’edificio era preesistente, riportato alla luce dalla Confraternita di San Filippo dopo il terremoto del 1693. I bombardamenti della Seconda Guerra mondiale provocarono ingenti danni e, negli anni Sessanta, a causa di cedimenti strutturali e della cupola pericolante, fu necessaria la chiusura. Riaperta nel 2010, dopo massicci interventi di restauro, oggi la chiesa è da non perdere, soprattutto per la visita dei sotterranei, una rete di cunicoli scavati al tempo dei Greci. Qui sono emerse successive tracce di ipogei paleocristiani e di un luogo di culto ebraico, con presunti bagni per la purificazione. Dopo la cacciata degli ebrei, si insediò la Confraternita, sovrapponendo la chiesa. Ed ecco la cripta con le sepolture dei confrati e affreschi settecenteschi, ma pure graffiti che risalgono alla Seconda Guerra mondiale, quando i cunicoli divennero rifugi antibombe

COMING SOON

Mappa


Chiesa-di-San-Filippo-alla-Giudecca-1.jpg 9 mesi fa
  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
Chiesa-di-San-Filippo-alla-Giudecca-2.jpg 9 mesi fa
  • Devi essere loggato per poter scrivere un commento
Mostro 2 risultati
Votazioni
In evidenza/Non in evidenza
Gestita/Non Gestita
Mostro 1 risultati di 20 su 36

Editor Picks

Le Vie dei Tesori

Send this to a friend