Salviamo un’opera d’arte

Trapani

Salviamo un’opera d’arte

Trapani

Negli anni scorsi abbiamo restaurato, a Palermo, un salottino che fa bella mostra di sé a Palazzo Mirto e la seduta dei banchi dell’Oratorio delle Dame. La scelta venne fatta da tutti gli amici de Le Vie dei Tesori che votarono, partecipando a un contest che coinvolse diverse migliaia di persone.

Abbiamo avviato una gara per individuare quale bene recuperare a Trapani, dove per la prima volta nel 2018 il Festival Le Vie dei Tesori è approdato. Sono stati proposti quattro beni bisognosi di un aiuto concreto.

Il sondaggio è terminato, ecco le vostre scelte:

01

Due corali manoscritti

I due preziosi corali manoscritti per le liturgie religiose in pergamena rivestite di pelle si trovano alla Biblioteca Fardelliana (che è titolare del bene) e provengono dalla chiesa di San Domenico. Realizzate nel XVI secolo, le pergamene presentano delle alterazioni alla colorazione originale e uno stato di degrado piuttosto evidente. In alcuni casi mancano lembi di pagine. Anche le rilegature in legno e pelle sono fatiscenti e mancanti del dorso. L’intervento riguarderà sia la rilegatura sia le pagine interne, in modo da bloccare l’avanzamento del degrado.

02

Il coro delle Domenicane

Il Coro delle Domenicane di Santa Caterina da Siena si trova nella chiesa di Santa Maria del Soccorso, detta Badia Nuova. La struttura lignea, risalente al XVIII secolo, risulta degradata e mancante in alcune parti sia nelle sedute sia nel parapetto. L’intervento riguarderà la struttura lignea, al fine di bloccarne il degrado, sistemare le parti danneggiate o mancanti e trattare il materiale con prodotti che ne blocchino il processo di degrado. Il bene è del Fec gestito dalla Diocesi.

03

Il crocifisso della cappella della Mortificazione

Il bene da restaurare è la struttura decorativa, con colonne e trabeazione, di coronamento al Crocifisso ligneo dell’abside collocato nella Cappella della Mortificazione. La superficie delle colonne lignee, del XVIII secolo, si presenta logorata dal corso del tempo e anche il sistema di trabeazione richiede un intervento per migliorarne sia la rifinitura sia il sostegno. L’intervento riguarderà colonne e trabeazione al fine di migliorarne il sostegno, e la rifinitura delle superfici. Il bene è della Diocesi.

04

Scala a chiocciola di Palazzo Riccio

La scala a chiocciola di accesso alla torretta di Palazzo Riccio di San Gioacchino, è in ferro e si presenta in uno stato avanzato di ossidazione
L’intervento previsto servirà a bloccare l’ossidazione del ferro attraverso la pulitura e l’applicazione di prodotti che proteggano il materiale dagli agenti atmosferici. E’ del Libero consorzio comunale.

Quale bene vuoi recuperare?

Ecco i risultati:

1° Due corali manoscritti 32%

2° Crocifisso cappella della Mortificazione 30% 
3° Il coro delle Domenicane 27%
4° Scala a chiocciola di Palazzo Riccio 11%

*La votazione ha tenuto conto dell’indirizzo IP

Un Festival della città, che al contrario degli altri Festival italiani e internazionali dedicati a temi specifici (matematica, mente, letteratura), è un Festival strettamente connesso alla scoperta e alla narrazione dei suoi spazi. E che così incrocia arte, fotografia, musica. Una rete di luoghi nuova e suggestiva, ordita per raccontare il territorio in un modo che vi sorprenderà.

Editor Picks

Le Vie dei Tesori

Send this to a friend