Votazioni
In evidenza/Non in evidenza
Gestita/Non Gestita
BUTERA-esperienza-degustazione-1.jpg
Piazza Giudice Costa, 93011 Butera CL

Siamo lungo la Strada del vino e da queste parti, degustare un calice è una cosa seria: i borghi sono immersi nei vigneti, hanno attecchito anche vitigni particolari con cui sono nati blend molto interessanti. La degustazione permetterà di scoprire alcune etichette di cantine del territorio che magari hanno produzioni limitate, molto di nicchia, e conosciute solo da appassionati winelovers. Rossi corposi e bianchi delicati, ad ognuno il suo vino. Con sorprese inaspettate.

Via Bartoli, 11, 93011 Butera CL, Italia

Un vero viaggio dentro i sapori di uno dei borghi dove è più antica la tradizione. Per questo è stato costruito un vero e proprio percorso che solletica i cinque sensi, spiegando le ricette. A partire dall’inaspettata  pasta co’ meli, ricetta tipica di Butera che viene preparata tutto l’anno ma soprattutto per la festa di San Giuseppe. E’ una pasta (di solito spaghetti) che si può gustare sia fredda che calda, con miele, mandorle, mollica tostata, cannella e buccia d’arancia, e i veri foodlovers bisbigliano che sia una squisitezza e si ricollega idealmente all’antica Butirah araba. Poi si assaggeranno i dolci: cannoli e nucatoli con uva passa, miele e mosto cotto, che si preparano di solito per la festa di San Rocco.

 

BUTERA-borgo-guttadauro.jpg
Unnamed Road,93011, 93011 Butera CL, Italia

Il villaggio fantasma ucciso dalla cattiva amministrazione

Stavolta si tratta di un esempio surreale di beghe amministrative e mala amministrazione, anche con risvolti indagati dalla magistratura: Borgo Guttadauro è una storia antica a circa 10 chilometri da Butera. Tutto nasce negli anni Trenta in cui si avvia la costruzione di borghi residenziali  per combattere lo spopolamento delle campagne. Borgo Guttadauro nasce nel 1934 sui terreni dei baroni Cammarata di Piazza Armerina, il nome arriva da un generale gelese dell’esercito fascista, Emanuele Guttadauro. Il progetto di Gaetano Averna prevede case, una chiesa, la scuola, la Casa del Fascio con la delegazione podestarile, la collettoria postale e la caserma dei carabinieri. Da qui in poi, pare di calarsi in un romanzo storico di Camilleri: i lavori iniziano, la guerra li ferma, il borgo dal ‘43 al ‘44 è occupato dalle truppe americane; pastoie burocratiche, ritardi e mala gestio, si riparte, finanziamenti assurdi che finiscono in un buco nero, cambiano le imprese appaltanti, nel 1962 passa all’Eras gestita da Salvo Lima. Abortito ormai il progetto del borgo residenziale, si tenta di trasformarlo in colonia estiva per i bambini, poi in centro di recupero, ma non viene mai realmente completato. Sarà definitivamente abbandonato negli anni Settanta: visitarlo vuol dire entrare in ambienti spettrali, costruiti a tavolino secondo le linee razionaliste degli anni Trenta. e’ stato annunciato un progetto di recupero del Governo regionale. Le visite sono organizzate con l’associazione Ascosi Lasciti. 

Parrinello foto (5).jpg
C/da Quattro Aratate, Sommatino (CL)

Nel magico regno delle mandorle
PARRINELLO
Sono diecimila i mandorli dell’azienda Parrinello. Quella di Butera è un’azienda agricola che coniuga l’amore per la tradizione con l’innovazione tecnologica, ponendo un’attenzione particolare all’ambiente e al territorio. Ci si occupa della produzione e trasformazione delle mandorle, curandone tutte le fasi, dalla semina alla vendita del prodotto finito, facendo della chiusura di filiera un punto di forza. Il lavoro si svolge in due ambienti fondamentali: la campagna, dove ci si prende cura dei diecimila mandorli, e l’azienda, dove avvengono tutti i processi di trasformazione e vendita del prodotto. L’azienda Parrinello nasce tre generazioni fa con una vocazione prevalente al grano, poi mutata nel corso degli anni, seguendo il cambiamento dei tempi e la passione di chi la gestiva, fino ad arrivare a una produzione quasi esclusiva di mandorle. Grazie all’azienda Parrinello si possono ammirare splendidi paesaggi, conoscere da vicino i mandorleti e apprendere nel dettaglio il processo della raccolta e della lavorazione delle mandorle pronte a essere gustate.

Mostro 4 risultati

Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend