Votazioni
In evidenza/Non in evidenza
Gestita/Non Gestita
PIEDIMONTE-Borgo-Presa.jpg
Località Presa, 101, 95017 Presa CT, Italia

Il tour nella piccola frazione e la degustazione di vino

Nella neonata comunità della frazione di Presa il culto religioso rivestiva una posizione importante e gli abitanti vollero a tutti i costi una chiesa. Che, con l’impegno di tutti, fu edificata nel 1846 e nel 1873 fu già ampliata con due ali laterali, idealmente collegata come stile alla chiesa Madre di Piedimonte. Da rurale quindi, la chiesa divenne sacramentale con decreto vescovile, e fu dedicata alla Madonna delle Grazie; due anni dopo, il primo battesimo e il primo matrimonio. Si dovette attendere il 1922 perché la piccola parrocchia diventasse indipendente nella fede. Nel 1931 a Presa Superiore, la parte più antica del paese, fu edificata una chiesetta, ribattezzata poi Calvario, restaurata negli anni Novanta e oggi apprezzato luogo di meditazione e ritiro spirituale. Insomma, visitare Borgo Presa permetterà di rendersi conto della grande forza di una piccolissima comunità; durante la passeggiata, ci si fermerà a scoprire gli antichi palmenti e i vigneti; si visiteranno le cantine all’azienda vitivinicola La Gelsomina e si assaggeranno i loro vini.

PIEDIMONTE-Borgo-Vena.jpg
SP68, 1, 95017 Vena CT, Italia

La fonte miracolosa, la Madonna nera e l’antica fornace

È un santuario dalla storia ultracentenaria (XVI secolo), nato dal Sacro Fonte, ovvero una sorgente miracolosa (una mula fece sgorgare la polla d’acqua, grazie all’intervento divino della Madonna) da cui deriva il nome della frazione di poche anime. È molto semplice nella struttura esteriore che dà su un meraviglioso paesaggio che domina la costa ionica. All’interno ospita preziosi mosaici e una bellissima Madonna con bambino del XI secolo, emtrambi di carnagione scura. Il percorso inizia alla Pro Loco dove si potrà dassaggiare il vino Kephas dell’azienda agricola “Antonio Di Mauro”: un nerello mascalese tipico della zona dell’Etna dal colore rosso rubino con riflessi violacei, dall’odore intenso e fruttato, che accompagnerà perfettamente i taglieri di salumi e prodotti enogastronomici tipici del luogo. La passeggiata raggiungerà il Santuario all’aperto, luogo di preghiera immerso nella natura che si crede fondato da santa Silvia e ospita la Madonna della Tenerezza; e si chiuderà ai ruderi di una vecchia fornace, dove venivano cotti i tipici “coppi” (tegole) propri del territorio etneo.

.

Sorelle Zumbo foto (1).jpg
SS120, Solicchiata, Castiglione di Sicilia CT, Italia

L’insegnamento del nonno ai piedi dell’Etna
SORELLE ZUMBO
Due sorelle appassionate, l’insegnamento del loro nonno, una terra unica e fertilissima come quella ai piedi dell’Etna. Sono questi gli attori protagonisti della storia del progetto delle sorelle Zumbo. È solo dal 2016 che Erica e Ramona decidono di portare avanti il progetto del nonno, scegliendo di cambiare solo l’identità dei propri vini rendendoli più prestigiosi, ma custodendo gelosamente le vecchie tradizioni. L’azienda agricola è di circa sette ettari, vi si coltiva prevalentemente Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, Inzolia, Carricante, Minnella Bianca, Catarratto e una piccola parte di varietà reliquia. Erica e Ramona sono molto attente al rispetto del territorio e a condurre un’agricoltura sostenibile, per questo motivo hanno iniziato l’iter per la certificazione biologica in vigneto. Imperdibile la degustazione dei vini accompagnati da prodotti tipici del luogo.

NOTA: Possibile pure andare a visitare i vigneti, che sono a 5 chilometri di distanza, muovendosi con le proprie auto.

Vivai Emmanuele foto (3).jpg
Via Gemelli sn, 95014 Giarre CT

Fra le bellezze del mondo verde
VIVAI EMMANUELE
La “Vivai Emmanuele società cooperativa agricola” è immersa nello splendido scenario posto tra la costa Jonica e il sovrastante vulcano Etna, madre fertile e rigogliosa che dona a tutti noi i suoi frutti con cieca generosità. Difatti, oggi l’azienda arriva a coprire un’estensione complessiva di circa 20 ettari in un tripudio di piante accudite nel rispetto dei tempi e delle esigenze che Madre Natura ha stabilito per ognuna di loro razionalizzando la distribuzione dell’acqua e rifiutando qualunque uso di agenti infestanti. “Vivai Emmanuele” si serve inoltre di serre automatizzate e di ultima generazione, e anche di strutture specializzate nella cura delle piantine dal seme. Qui si trova la pace delle terrazze e delle serre, dimore delle piante in produzione e delle piante esemplari ornamentali con caratteristiche e peculiarità tutte da scoprire.

Cantine Patria foto (1).JPG
SS 120,km 194,500, Solicchiata, 95012 Castiglione di Sicilia CT

Vini di grande qualità fra grotte millenarie
CANTINE PATRIA
La vecchia strada consolare romana, oggi “Strade del vino”, si insinua fra due formazioni vulcaniche: quella spenta di monte Mojo e l’Etna. A Solicchiata, piccola frazione di Castiglione di Sicilia, sorge Patria, nata nel 1956. La cantina, oggi la più antica e la più grande dell’Etna grazie ai suoi 350 ettari di terreno, si pone come leader del brand Etna riconosciuto a livello mondiale. Ogni anno l’azienda accoglie migliaia di turisti, buyer, sommelier, appassionati di vino e cultura proponendo esperienze uniche, grazie ai vini Doc Etna, che con la loro mineralità e austerità offrono degustazioni difficili da dimenticare. Vicino i vigneti e la cantina, immersi nella natura del Parco dell’Etna, si trovano anche l’antica arena Palici e una grotta millenaria in pietra lavica che fanno da sfondo a una degustazione vulcanica delle migliori etichette, del pane a lievitazione naturale e dell’olio extra vergine d’oliva bio Nocellare dell’Etna

Mostro 5 risultati

Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend