Informazioni utili


Giorni Apertura

-

Indirizzo


Durata visita

-

Accessibilità

-

Contributo

-

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero coupon

Abstract


Il villaggio fantasma ucciso dalla cattiva amministrazione

Stavolta si tratta di un esempio surreale di beghe amministrative e mala amministrazione, anche con risvolti indagati dalla magistratura: Borgo Guttadauro è una storia antica a circa 10 chilometri da Butera. Tutto nasce negli anni Trenta in cui si avvia la costruzione di borghi residenziali  per combattere lo spopolamento delle campagne. Borgo Guttadauro nasce nel 1934 sui terreni dei baroni Cammarata di Piazza Armerina, il nome arriva da un generale gelese dell’esercito fascista, Emanuele Guttadauro. Il progetto di Gaetano Averna prevede case, una chiesa, la scuola, la Casa del Fascio con la delegazione podestarile, la collettoria postale e la caserma dei carabinieri. Da qui in poi, pare di calarsi in un romanzo storico di Camilleri: i lavori iniziano, la guerra li ferma, il borgo dal ‘43 al ‘44 è occupato dalle truppe americane; pastoie burocratiche, ritardi e mala gestio, si riparte, finanziamenti assurdi che finiscono in un buco nero, cambiano le imprese appaltanti, nel 1962 passa all’Eras gestita da Salvo Lima. Abortito ormai il progetto del borgo residenziale, si tenta di trasformarlo in colonia estiva per i bambini, poi in centro di recupero, ma non viene mai realmente completato. Sarà definitivamente abbandonato negli anni Settanta: visitarlo vuol dire entrare in ambienti spettrali, costruiti a tavolino secondo le linee razionaliste degli anni Trenta. e’ stato annunciato un progetto di recupero del Governo regionale. Le visite sono organizzate con l’associazione Ascosi Lasciti. 

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)