Informazioni utili


Giorni Apertura

-

Indirizzo

7 Piazza Vittorio Emanuele II

Durata visita

-

Accessibilità

-

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero ingressi

Compra solo questa visita

Utilizza (se ce l’hai già) il coupon multi-ingresso da 10 o da 4 visite

Acquista il coupon multingresso da 10 o da 4 visite

Abstract


La chiesa distrutta e ricostruita con la cappella dei Santapau

Situata nella parte occidentale del paese, la Chiesa è da sempre consacrata alla patrona, Santa Margherita. La data precisa della sua costruzione è ancora oggi incerta, ma sicuramente è stata ricostruita dopo il disastroso terremoto del 1693 che rase a terra l’intero Val di Noto. Dal sismo fu risparmiata soltanto un’ala della precedente costruzione. L’esterno mostra un elegante prospetto tardo barocco di pietra finemente lavorata, situato su un piano rialzato e rivolto verso oriente. L’interno invece, ha una struttura a tre navate con sei grandi arcate che poggiano su colonne con capitelli corinzi, e introducono alla cappella della famiglia Santapau. Le sei grandi finestre presentano decorazioni molto ricche per via degli eleganti stucchi parietali. Da non perdere durante la visita, le due cappelle ai lati dell’abside, quella sinistra consacrata a Santa Margherita e quella destra a Sant’Antonio Abate. Giovanni Verga ambientò molte novelle a Licodia, in alcune citando il campanile della chiesa Madre

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend