Informazioni utili


Giorni Apertura

-

Indirizzo

1 Piazza Santa Maria della Stella

Durata visita

-

Accessibilità

-

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero ingressi

Compra solo questa visita

Utilizza (se ce l’hai già) il coupon multi-ingresso da 10 o da 4 visite

Acquista il coupon multingresso da 10 o da 4 visite

Abstract


Il Santuario bene dell’Unesco con la Natività di Andrea della Robbia

Il Santuario di Santa Maria della Stella (inserito tra siti Unesco del Val di Noto) fu edificato a partire dal 1722, in sostituzione dell’antica basilica di Santa Maria della Stella distrutta dal terremoto del 1693. Aperto al culto nel 1741, dedicato alla Madonna della Stella patrona principale della città, è collocato in cima ad un’ampia scalinata e presenta un’armoniosa facciata ricca di intagli, affiancata da una poderosa torre campanaria. Il disegno della facciata si deve all’architetto Giuseppe Ferrara da Palazzolo Acreide, i pregevoli stucchi settecenteschi che decorano l’interno sono invece dell’agrigentino Onofrio Russo della scuola del Serpotta. L’interno, a pianta basilicale a tre navate, possiede dodici altari ed è diviso da leggiadri pilastri che sostengono l’ampia volta a botte decorata a stucco e affrescata del pittore militellese Giuseppe Barone. Tantissime le opere d’arte conservate anche nella sacrestia-tesoro, ma fra tutte è quasi commovente la straordinaria pala d’altare in terracotta invetriata di Andrea della Robbia che raffigura la Natività di Gesù, proveniente da Santa Maria la Vetere, e commissionata nel 1487, dai Barresi di Militello. L’opera è divisa in tre parti, al centro è raffigurata la nascita di Cristo in un contesto gaio ed elegante. Gesù sorride, non in una grotta, ma tra in una capanna, tra pastori di grazia arcadica. Nella parte superiore un Dio sereno benedice la scena, in quella inferiore è rappresentata la Passione, quando tutto consumatum est, in un equilibratissimo bilanciarsi di figure. Siamo davanti a un Rinascimento un po’ minore, ma non per questo meno elegante. 

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend