Informazioni utili


Giorni Apertura

-

Indirizzo


Durata visita

-

Accessibilità

-

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero ingressi

Compra solo questa visita

Utilizza (se ce l’hai già) il coupon multi-ingresso da 10 o da 4 visite

Acquista il coupon multingresso da 10 o da 4 visite

Abstract


Il fortino sommerso dalle acque che ogni sei mesi torna in superficie

Cos’era mai Mazzallakkar? Un fortino arabo che proteggeva dal basso il castello di Zabut arrampicato sulla collina? Un presidio più tardo, dopo l’anno Mille, quando l’antica Sambuca era già nata, magari sorto su un’architettura preesistente? Oppure, come ipotizzano gli storici di recente, una masseria fortificata cinquecentesca che i nobili Perollo, i signori della zona, avevano costruito sullo stile dei castelli maltesi, nell’isoletta dove avevano possedimenti? Già il nome, a sentirlo pronunciare, evoca veli, spezie, mercanti, profumi, sete e incensi. Ma la storia del fortino che ogni sei mesi riemerge dall’acqua placida del lago Arancio, è ancora tutta da scrivere. Fu proprio l’invaso artificiale, costruito a metà degli anni Cinquanta, a sommergere il fortino. Adesso, con il progressivo abbassamento del livello del lago, insieme alle torri che già svettavano dall’acqua, sono ricomparse anche le mura fortificate. In tempi più recenti, il fortino venne anche usato dai pastori per ricoverare le greggi, ma l’antica conformazione quadrata con le torri, è rimasta intatta e riemerge in estate. Per raggiungerlo si attraverseranno i vigneti della Cantina Ulmo dei Planeta.

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend