Informazioni utili


Giorno
Presto disponibile

Orario
Presto disponibile

Luogo di raduno

Durata
Presto disponibile

A cura di
Presto disponibile

Partecipanti Max
Presto disponibile

Contributo
Presto disponibile

Note
-

Acquista coupon


Abstract


La Tomba del Principe nell’antica città sicana

La più grande e suggestiva tomba protostorica della Sicilia, con i suoi circa nove metri di diametro e tre e mezzo di altezza è la Tomba del Principe, costituita da una doppia camera, con una volta a cupola (tholos) tipica di analoghe strutture micenee. Chiamata anche Grotta Sant’Angelo, dal nome del santo protettore che secondo la tradizione avrebbe scelto la grotta per il suo eremitaggio dopo averla liberata dal demonio, è la tappa clou di un’indimenticabile passeggiata archeologico-naturalistica che si concluderà all’ora del tramonto al belvedere sul fiume Platani.
Dopo la Grotta del Principe, si visiterà il costone sud dell’area archeologica del colle di Sant’Angelo Muxaro con le sue tombe a grotticella che la fanno somigliare alla necropoli di Pantalica; poi si passerà nei pressi dell’antro d’ingresso di Grotta Ciavuli per risalire in paese percorrendo un sentiero panoramico con vista sulla valle del fiume Platani, sui Monti Sicani e sul tramonto.
Nella Tomba del principe gli scavi condotti da Paolo Orsi tra fine ‘800 e inizi del ‘900 hanno restituito reperti di altissimo valore archeologico: corredi funerari ceramici e d’oro che sono custoditi in diversi musei, come il Museo Archeologico di Agrigento, il Museo Archeologico di Siracusa, il British Museum, tra cui . Testimonianza del fatto che Sant’Angelo Muxaro era uno dei centri più importanti della Sicilia pre e protostorica.
A guidare la passeggiata la guida naturalistica Pierfilippo Spoto, pioniere del turismo esperienziale della Sicilia e profondissimo conoscitore della sua Sant’Angelo. A cura di Val di Kam

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend