Informazioni utili


Giorno
Presto disponibile

Orario
Presto disponibile

Luogo di raduno

Durata
Presto disponibile

A cura di
Presto disponibile

Partecipanti Max
Presto disponibile

Contributo
Presto disponibile

Note
-

Acquista coupon


Abstract


I ruderi del mulino e le sorgenti di acqua sulfurea: il sentiero del cuore

Lungo la valle del Timeto, vicino Fiumara, fino al Settecento si incontrava lungo il cammino un’antica stele dedicata a San Valentino. Per i viandanti, per tutti, era la stele di San Fantino. nel tempo la stele venne distrutta, ma il nome del santo, per quanto storpiato, rimase e fu esteso all’intera contrada. Oggi lungo il sentiero tra pioppi, roveri, noccioleti e qualche vecchio albero da frutto, si scoprono volpi, conigli, istrici, maiali selvatici, ghiri, passeri, colombacci, nibbi , poiane e qualche esemplare di falchetto. Il fiume che si inerpica lungo la vallata, forma vari laghetti (o “gurni”), tra questi “ U gurnu i Trifiletti” e “Gurnu u Iacunu”, che ospitano trote, carpe e bisce d’acqua. Lungo il sentiero, oltre ad una vecchia conceria, esisteva un mulino ad acqua, conosciuto come “Sanfantì” o“ u Mulino u Iacunu” (dal cognome del mugnaio, Loiacono) a ruota verticale. Ci sono anche diverse sorgenti di acqua sulfurea.

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend