Informazioni utili


Data

Presto disponibile

Indirizzo

60 Piazza Marina

Durata

Presto disponibile

Contributo

Presto disponibile

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero coupon

Abstract


Un’inquisita appare nel carcere dello Steri

In queste celle nel 1623 rischiò di finire imprigionata una donna, Dulciora Agnello, che riuscì a farla franca grazie alla protezione del marito, il procuratore Gregorio Spitili, familiare dell’Inquisizione. Per cinque mesi, quando aveva una cinquantina d’anni, venne convocata periodicamente dai giudici del Sant’Uffizio e trattata con mucho quidado, cioè con molto riguardo, come avevano raccomandato gli inquisitori madrileni ai colleghi dei tribunale di Palermo. Una privilegiata che però usò la sua posizione per sbertucciare il bigottismo e il fanatismo degli uomini di Torquemada, permettendosi affermazioni che avrebbero spedito chiunque altro dritto al rogo. Toccando perfino il cuore del tabù: l’idea cioè che Gesù e la Maddalena potessero avere avuto una relazione intima, teoria diffusa nella Sicilia del Seicento secoli prima di Dan Brown. Dai verbali dei processi del Sant’Uffizio emerge questa straordinaria figura di donna colta e curiosa, che aveva accolto le teorie della Riforma luterana e aveva studiato anche l’islamismo.
di Laura Anello, con Stefania Blandeburgo

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend