ciao ciao

Informazioni utili


Giorni Apertura

-

Indirizzo

Via Ruggiero Settimo, 8, Palermo, PA, Italia

Durata visita

-

Accessibilità

-

Contributo

-

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero coupon

Abstract


La residenza “di campagna” di fronte al Teatro Massimo

Sorgeva al di là di Porta Maqueda, quindi in quella che era la campagna appena fuori il centro storico: era il 1783 e Palermo era stretta dalle mura. Palazzo Francavilla fu il maggior “beneficiario” dell’ampliamento urbanistico della città settecentesca; fu acquistato nel 1801 da Saverio Oneto e Gravina duca di Sperlinga, aristocratico della cerchia intima dei Borboni di Napoli, che per motivi di salute era stato costretto a trasferirsi “in campagna”. Ma non volle rinunciare alla sontuosità e incaricò artisti come Giuseppe Velasco, Giuseppe Patania e Natale Carta di affrescare i salotti. Nel 1893 Luigi Majorca di Francavilla, erede dei duchi di Sperlinga, chiamò invece Ernesto Basile – che stava dirigendo i lavori di costruzione del Teatro Massimo, proprio di fronte – per la ristrutturazione. Il Basile oltre alle facciate e ai due grandi atrii, disegnò i mobili della sala di ingresso, le vetrine dove sono esposti gli abiti di dame e gentiluomini di famiglia, ma soprattutto contribuì alla realizzazione della biblioteca. Le volte dei salotti su via Ruggiero Settimo e su piazza Verdi furono dipinte da Rocco Lentini, Luigi Di Giovanni e Giuseppe Enea e impreziosite dai medaglioni marmorei di Benedetto Civiletti, Antonino Ugo e Mario Rutelli.

Mappa


Editor Picks

ItalianEnglishChinese (Simplified)
Le Vie dei Tesori

Send this to a friend