Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine

Informazioni utili


Giorni Apertura

I am service box text. Click edit button to change this text.

Indirizzo

30 Via Boeo

Durata visita

-

Accessibilità

-

Contributo

-

Ottieni coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero coupon

Abstract


La Sibilla indovina contro i mariti fedifraghi

Ci si rivolgeva alla Sibilla come a un’indovina della buona ventura: le mogli chiedevano notizie sui mariti fedifraghi, le giovinette sui presunti fidanzati. Fatto sta che la leggenda della Sibilla che viveva sotto la chiesa di San Giovanni Battista è antichissima, ne parlano Diodoro e Plinio. Invece della chiesa si hanno notizie da fine Trecento. L’ipogeo esiste, con affreschi bellissimi e una fonte alimentata da una sorgente, come battistero. Nel 1555 viene demolita dagli spagnoli perché ruderi e pietre servivano per la costruzione del Baluardo del Bottino (o Vega, dal nome del Vicerè). Ma appena vent’anni dopo i marsalesi si autotassarono per ricostruire San Giovanni e affidarla ai padri Basiliani. Oggi è un rettangolo allungato, con un pavimento di maioliche (bianche, gialle, verdi e nere). Sopra l’altare, una statua di marmo di San Giovanni Battista attribuita ad Antonello Gagini. Il portale manieristico proviene dalla chiesa di sant’Andrea.

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend