Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine

Informazioni utili


Giorni Apertura

-

Indirizzo

Parco Suburbano Campanarazzu

Durata visita

-

Accessibilità

-

Contributo

-

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero coupon

Abstract


Sulle tracce della “grande ruina”
La “grande ruina” fu l’eruzione che più di ogni altra condizionò la storia urbanistica del versante meridionale dell’Etna. Il 29 marzo 1669 la lava circondò l’abitato dell’antica Misterbianco, fino a seppellirla nell’arco di pochi giorni. Fu risparmiato il campanile della chiesa madre, che solo il terremoto del 1693 danneggiò nella parte sommitale e che per tutti questi anni ha sempre segnato la testimonianza della chiesa e dell’intero abitato. L’esperienza, guidata dai volontari della Fondazione Monasterium Album, partirà dal parco suburbano e comprenderà un’escursione nella dagala di querce scampata all’eruzione del 1669 e la visita dell’Antica Chiesa Madre dedicata a “Santa Maria de Monastero Albo”, riportata alla luce grazie ai lavori finanziati dalla Regione Siciliana.

E’consigliato l’uso di scarpe basse e per il luogo di culto di un abbigliamento consono.

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend