Informazioni utili


Giorni Apertura

I am service box text. Click edit button to change this text.

Indirizzo

4 Via Biblioteca

Durata visita

-

Accessibilità

-

Contributo

-

Ottieni coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero coupon

Abstract


La preziosa collezione e i falsi d’autore

Tutto nasce dalla caparbia e dall’immensa passione di un brillante archeologo, docente e rettore dell’Università: siamo nei primi anni Venti del secolo scorso e Guido Libertini inizia ad acquistare reperti, creando di fatto la prima collezione di quello che sarebbe diventato il Museo archeologico dell’Università. Libertini morì nel 1953 e da quel momento la collezione venne continuamente spostata, cercando una sempre diversa, e più consona, sede espositiva. Fu l’archeologo Rizza a insistere perché la sede fosse vicina alla biblioteca e agli uffici dell’Istituto di Archeologia: alla fine viene individuato Palazzo Ingrassia (l’ex istituto di Anatomia) dove oggi sono esposti preziosi reperti di età preistorica e protostorica, fino all’età tardo-antica e medioevale. Con una chicca particolare: Guido Libertini era appassionato di manufatti antichi dell’area di Centuripe e da questo suo amore arrivano anche 78 “falsi”, prodotti ad arte dai falsari della zona, ma con tale maestria da ingannare anche esperti, come il grande archeologo senese Ranuccio Bianchi Bandinelli che ne difese (sbagliando) l’originalità.

Il numero minimo per attivare la visita al Museo di Archeologia è di 25 partecipanti 

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend