Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine Widgets Magazine

Informazioni utili


Giorni Apertura

I am service box text. Click edit button to change this text.

Indirizzo

9 Piazza Bordonaro

Durata visita

I am service box text. Click edit button to change this text.

Accessibilità

I am service box text. Click edit button to change this text.

Ottieni Coupon


Scegli giorno
Scegli orario
Seleziona numero ingressi

Compra solo questa visita

Utilizza (se ce l’hai già) il coupon multi-ingresso da 10 o da 4 visite

Acquista il coupon multingresso da 10 o da 4 visite

Abstract


Sei secoli di storia, dalla pesca del tonno alla difesa delle coste

È la testimonianza dell’attività di pesca che per secoli ha dominato il paesaggio e l’economia della Sicilia: quella del tonno. Il primo documento che ne attesti l’esistenza è del 1450, quando la tonnara viene data in concessione dalla Regia Corte alla famiglia Fazio di Genova, che per esercitare la sua attività pagava un canone di affitto. Altri documenti successivi, del 1500, attestano che venisse chiamata tonnara di Vergine Maria o di Maria Santissima dei Rotoli, come tutti gli altri impianti (la vicina Tonnara dell’Arenella, oggi chiamata Tonnara Florio, e la scomparsa Tonnara di Mondello) che prendevano il nome dal luogo in cui si trovavano. Nel XV secolo, grazie alla costruzione della torre, entra a far parte del circuito difensivo delle coste siciliane. Bisognerà aspettare il XIX secolo perché Gabriele Chiaramonte Bordonaro ristrutturi tutto il complesso e costruisca il palazzo annettendo l’antica torre di avviso e altri locali della tonnara. Dopo la Seconda Guerra mondiale, quando la torre fu dotata delle tre feritoie visibili ancora oggi per le mitragliatrici puntate contro sbarchi nemici, fu venduta ai fratelli d’Acquisto che esercitarono l’attività di pesca del tonno ancora per qualche anno

Mappa


Editor Picks

Le Vie dei Tesori
ItalianEnglishChinese (Simplified)

Send this to a friend